Facebook: una moda pericolosa

Pubblicato: luglio 2, 2009 in Tecnologia, Web
Tag:, ,

Facebook Advertising

Fondato il 4 febbraio 2004 da Mark Zuckerberg, l’ormai noto sito di social network, Facebook, è conosciuto in tutto il mondo. Secondo i dati forniti dal sito stesso, nell’aprile 2009 il numero degli utenti attivi ha raggiunto i 200 milioni. Il valore stimato del sito è di 15 miliardi di $.

Il nome del sito è riferito agli annuari (i facebook) con le foto di ogni singolo membro che alcuni college e scuole statunitensi pubblicano all’inizio dell’anno accademico e distribuiscono ai nuovi studenti ed al personale della facoltà come mezzo per conoscere le persone del campus.

Ma se lo scopo iniziale di Facebook era di far mantenere i contatti tra studenti di università e licei di tutto il mondo, adesso è diventata una rete sociale che abbraccia trasversalmente tutti gli utenti di internet.

Una moda diffusa in tutto il mondo, un social network che ci permette di ritrovare vecchi amici, parenti lontani e di fare nuove conoscenze. Chiunque, uomo o donna, giovane o anziano, può trovare in Facebook, un “punto di incontro” con altre persone. Questa moda però, può presentare dei lati negativi, che mettono in pericolo la privacy di tutti noi. L’unica cosa che possiamo fare per difendere la nostra privasy è seguire questi 10 consigli che vi elencherò qui di seguito:

1. Non condividere mai la tua password con nessuno;

2. Controlla subito le impostazioni sulla privacy e modificale secondo le tue necessità;

3. Accertati che i nomi dei tuoi amici su facebook corrispondano alla persona che realmente conosci;

4. Diventa amico di conoscenti, evita gli sconosciuti;

5. Valuta se e come inserire dati e informazioni personali;

6. Non aggiungere indirizzi e numero di telefono se hai nella tua lista di amici persone di cui non ti fidi;

7. Segnala utenti e contenuti che violano le Condizioni d’uso;

8. Blocca e segnala gli utenti che ti inviano messaggi e contenuti non appropriati o non desiderati;

9. Non installare plugin aggiuntivi per Facebook, a meno che tu non sia sicuro della fonte;

10. Utilizza attentamente le applicazioni esterne, specialmente se queste non fanno riferimento a una persona o azienda realmente esistente e rintracciabile.

Attacchi da parte di Hacker e simili, sono solo alcune delle preoccupazioni degli utenti di Facebook. Si discute spesso infatti, della possibilità che il social network, possa in qualche modo monetizzare, tramite i dati di oltre 200 milioni di iscritti in tutto il mondo, con sondaggi e ricerche di mercato ad hoc.

Facebook possiede già un database molto dettagliato. Degli utenti si conosce età, sesso, stato civile e nella maggior parte dei casi hobby e passioni; oltre a questo, è possibile risalire ad un intero nucleo famigliare e alla cerchia di amicizie di una persona. Partendo quindi da questa piattaforma si potrebbero avviare una serie di sondaggi mirati e ricerche di marketing.

A guadagnare sarebbero, naturalmente, Facebook in primis, e poi le aziende che potrebbero affidarsi a un sistema rapido per avere risposte sul lancio di un determinato prodotto o servizio, gli utenti, che se chiamati in causa potrebbero guadagnare qualcosa, e ovviamente il fondatore di Facebook: Zuckenberg.

Purtroppo non possiamo far molto per difenderci da questa minaccia, l’unica “opzione” sarebbe non registrarsi affatto, ma la moda è la moda…

Annunci
commenti
  1. antgri ha detto:

    io non mi sono mai registrato e sono sopravvissuto 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...